Considerando che da neogenitori sprofondiamo nel letto tutte le sere alle 21.00, l’ultima cosa che ci passa per la testa è l’idea di uscire vestiti senza una macchia addosso per una cena di un paio d’ore. Quel livello di divertimento è di certo un ricordo lontano della nostra “Vita Pre-Bambino”, e non tornerà fin quando suddetto bambino non avrà lasciato casa per andare all’università.

Esagero, ma è vero che molte persone credono che non sia possibile uscire e lasciare i figli, oppure si sentono in colpa perfino a pensarlo. Hanno bisogno semplicemente di stare in casa, che è dopotutto la cosa senz’altro più semplice. È indubbio che uscire richiede un qualche livello di organizzazione e preparazione che potrebbe sembrare troppo impegnativo, ma è molto importante ritagliare del tempo per allontanarsi dal bambino e ricordare a se stessi che si è anche delle persone.

Uscite serali da neogenitori

Ecco la riflessione di una neomamma sull’argomento.

Come è possibile che passiamo più tempo insieme di quanto abbiamo mai fatto eppure mi manca? Condividiamo l’orgoglio per nostro figlio, ma non abbiamo tempo per la vecchia intimità della nostra vita di prima. Abbiamo affrontato questa straordinaria esperienza insieme, ma non abbiamo avuto tempo di metabolizzarla, né di condividerla nella coppia. Mi mancano le nostre mattine del weekend trascorse mangiando cornetti e leggendo il giornale. A pensarci ora, sembra tutto così strano. Non so davvero quando potremo farlo di nuovo.

Parte dell’essere una buona madre (e anche un buon padre) è prendersi cura di sé, per poi dare il meglio al bambino. Una madre sfinita e fredda con il partner per l’assenza di tempo trascorso nell’intimità della coppia non diventerà il genitore ideale. Se non valorizzi e crei tempo per la tua relazione, nel lungo termine gli effetti saranno pessimi.

Chiaramente, sai tutto di tuo figlio, quindi è comprensibile la tua ansia di lasciarlo con qualcun altro che non lo conosce così bene o di non essere presente in caso di bisogno. Ecco perché trovare la babysitter giusta è estremamente importante. Per la prima volta, la scelta migliore è chiedere ai tuoi genitori, ad altri membri della famiglia o a un’amica fidata. Prima di programmare un’uscita serale, potresti trovare utile fare una breve prova durante il giorno, così da limitare lo shock e avere un’idea chiara di tutte le cose da organizzare per la serata.

Prepara tutto prima di uscire: latte materno o latte artificiale, con istruzioni chiare e scritte; pannolini; tecniche per calmare il bambino quando si sveglia; il tuo numero di cellulare. La prima volta è probabilmente più facile uscire dopo aver addormentato il bambino. Di certo, andandotene ti sentirai malissimo, come se stessi lasciando qualcosa. E, effettivamente, lo stai facendo. Passerà.

Prova a resistere senza telefonare a casa per controllare che tutto vada bene. Potresti cogliere il momento esatto in cui il bambino si è svegliato per la poppata, e le urla di pianto potrebbero farti venire subito voglia di correre a casa in preda a un tremendo senso di colpa. Se ha davvero bisogno di te, sarà la babysitter a chiamarti. Godi dell’opportunità di assaporare il cibo senza il pensiero di dover rimettere in ordine. Prenditi del tempo, con il tuo partner, per discutere di altre cose che vi riguardano. Il tempo della neogenitorialità è un tempo autoreferenziale, e potreste rimanere davvero meravigliati di quanto siete fuori dal mondo, per questo è importante condividere speranze, preoccupazioni e paure.

E, ovviamente, parlate di vostro figlio, ma evitate di fare il riepilogo del presente, che entrambi conoscete benissimo. Piuttosto, fate piani per il futuro. Le vacanze che potreste fare, cosa vi piacerebbe insegnare a vostro figlio o condividere con lui, quali posti visitare.

Quando giungerà il momento di tornare dal piccolo di casa, ditevi reciprocamente quanto avete apprezzato il tempo trascorso insieme, e assicuratevi di pianificare l’uscita successiva prima di essere inghiottiti nuovamente nella routine quotidiana.